AIOSS - Associazione Italiana Operatori Scientifici Subacquei

AIOSS

Associazione Italiana Operatori Scientifici Subacquei

Italiano English

 

Comitato tecnico-scientifico 2016-2018

Presidente

Massimo Ponti, ecologo (massimo.ponti@unibo.it)

Esperti di settore

Settore e rispettivo identikit

Rappresentante

Archeologia

Carlo Beltrame, archeologo

Biologia ed Ecologia

Roberto Palozzi, zoologo

Geologia e Scienze della Terra

Fabrizio Antonioli, geologo

Giornalismo

Giovanni Esentato, giornalista

Medicina e Ricerca medica

Pasquale Longobardi, medico iperbarico

Sicurezza sul lavoro

Sergio Gambi, sommozzatore Vigili del Fuoco

Strumentazione ed Attrezzature

Gianni Fasano, tecnico elettronico

Veterinaria, Acquacoltura e Acquariologia

Laura Castellano, biologa acquarista

Consulente esterno per la sicurezza sul lavoro: Amedeo La Morgia, RSPP

 

Curricula vitae

Carlo Beltrame, archeologo (beltrame@unive.it)

Carlo Beltrame (Venezia 1969), laurea v.o. all'Università di Padova, diploma di Specializzazione all'Università di Trieste, PhD in Maritime Civilizations all'University of Haifa. Ha insegnato Archeologia navale all'Università della Tuscia di Viterbo e dal 2001 insegna Archeologia marittima presso l'Università Ca' Foscari. In quest'ultimo ateneo, ha coordinato il primo Master italiano in archeologia marittima. Ha passato un periodo di ricerca presso il Center of Maritime Archaeology di Roskilde. E' stato membro del comitato scientifico dell'International Symposium on Boat and Ship Archaeology, di cui ha curato l'edizione di Venezia del 2000. ?Ha svolto per molti anni attività di libero professionista specialmente come archeologo subacqueo ma anche per la redazione di Valutazioni di Impatto Archeologico. E' specializzato principalmente in archeologia della costruzione navale ma si interessa anche di metodologia in archeologia marittima e gestione dei beni culturali sommersi. Dal 2001 al 2012, ha diretto lo scavo scuola sul relitto del brick Mercurio, naufragato nel 1812 al largo di Punta Tagliamento; collabora alla missione croata di scavo su relitti medievali nell'isola di Mljet e dirige un progetto di studio dei relitti con carichi di marmo di età romana nel sud Italia. Coordina un progetto di studio sulle artiglierie veneziane finanziato dalla Regione del Veneto.

 

Roberto Palozzi zoologo e giornalista (roberto.palozzi@uniroma2.it)

Nato a Rieti il 26/07/1973. Laureato in scienze Naturali con tesi sperimentale in Zoologia sull’ecologia delle iguane terrestri delle isole Galapagos (compresa la nuova specie di “Iguana Rosada” scoperta nel corso della spedizione sul Volcan Wolf nel luglio 2005). Dottorato in Biologia evoluzionistica (Zoologia) sulle foche di Weddell - Antartide (Università di Roma “Tor Vergata”, “Smithsonian Institution” National Zoological Park - Washington). Nella stagione 2007/08 è stato l’unico zoologo italiano ad essere inserito nell’USAP (United States Antarctic Program). Giornalista pubblicista (tessera n° 070811), fotografo e operatore video terrestre e subacqueo. Dal 1994 al 2005 Agente Scelto del Corpo Forestale dello Stato. Dal  1993 a oggi collaboratore di numerose testate nazionali (tra cui Il Messaggero, Il Corriere dello Sport, L’Unità, Famiglia Cristiana, fotografare, Almanacco di fotografare, Il Fotografo, No Limits – world, Fotografia reflex, Monte Bianco - outdoor, La rivista del Trekking, Mondo Sommerso, Motociclismo,Viaggia l’Italia), RAI1 “Lineablu”, RAI2 “TG2 Dossier”, RAI3  “Geo & Geo”e RAI Channel. Nel 2007 ha organizzato e diretto il progetto di ricerca scientifica ed esplorazione “Merro Scientific Project” mirato ad indagare la struttura geologica, la biocenosi e l’ecologia del Pozzo del Merro (S. Angelo Romano - RM), la dolina carsica allagata più profonda del mondo. È amministratore unico della società di produzioni audio-visive “EREBUS Productions S.r.l.”. Istruttore subacqueo ANIS (Associazione Nazionale Istruttori Subacquei) – 2° Stella - in possesso anche dei brevetti per immersione fluviale e in alta quota, sommozzatore tecnico e polare (si è immerso sia nelle regioni polari artiche – Isole Svalbard (Norvegia) – che in quelle antartiche - McMurdo e Baia Terra Nova – Mare di Ross - Antartide), dal ’98 al ’01 membro del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico presso la stazione di Rieti.

 

Fabrizio Antonioli, geologo (fabrizio.antonioli@enea.it)

Nato a Milano nel 1953, è laureato in Sc. Geologiche dal 1977. Nel 1988 ricercatore presso l’ENEA. Nel 1990 ha conseguito il titolo di Scientif diver partecipando al corso ISSD. Si occupa di variazioni relative di livello del mare, impatti socioe-conomici sulle coste italiane e attività di monitoraggio con mareografi dal 1991 al fine di prospettare scenari futuri e ipotesi di adattamento a lungo termine (2100). Circa 800 immersioni delle quali 260 per ricerca scientifica. Fotografo subacqueo ha organizzato due mostre fotografiche. Ha studiato la geomorfologia costiera sommersa sulla maggior parte delle coste alte Italiane, visitato e studiato 80 grotte marine nel mare Mediterraneo, in Mar Rosso e nei Cenote Messicani. Ha campionato speleotemi fino alla profondità di -49 metri e studiato grotte marine fino a -70 m. Ha studiato e misurato reperti archeologici sommersi in Italia, Slovenia, Croazia, Grecia, Turchia, Israele, Tunisia, Spagna e Francia. Ha organizzato due congressi di Geologia Subacquea (Roma, 1991, Palinuro 1994). Ha collaborato alla pubblicazione di 3 libri scrivendo sulla vulnerabilità e adattamento delle coste Italiane in: Kyoto e dintorni, I cambiamenti climatici come problema globale, 2006. Franco Angeli ed., Variazioni relative del livello del mare e vulnerabilità delle pianure costiere italiane ed. CMCC Bononia University press, 2009, e Variazioni del livello del mare e vulnerabilità delle coste Italiane, sui Quaderni della Società Geologica Italiana, 2008. Autore di 170 pubblicazioni scientifiche 70 delle quali su International Journals. Per ENEA è stato il responsabile scientifico di 3 convenzioni con la Regione Abruzzo (2003-2005-2009) sugli impatti delle variazioni del clima sulle coste. Ha collaborato a numerosi progetti Europei 1998-2008 (tra i quali: Interreg Italia Slovenia “I siti costieri dell’alto arco adriatico: indagini topografiche a terra e a mare" e Nazionali (Accordo di programma ENEA MINAMB, "Il Mediterraneo - Difesa del mare e delle coste". Agenzia 2000 CNR, sempre su problematiche costiere. E’ responsabile del progetto VECTOR (VulnErabilità delle Coste e degli ecosistemi marini italiani ai cambiamenti climaTici e loro ruolO nei cicli del caRbonio mediterraneo) di cui coordina la linea 3 VARCOST: variazioni relative del livello del mare, impatto sulle aree costiere. (2006-2010). Nel 2007 ha pubblicato la mappa dei siti Italiani a rischio di essere allagati dal mare tra 100 anni. Guest Editor di 3 volumi di Quaternary International (2006, 2009, 2010) tutti dedicati a problematiche relative alle variazioni del livello del mare. Nel 2009 ha pubblicato su Nature uno studio sulle stalagmiti sommerse della grotta dell’Argentarola.

 

Giovanni Esentato, operatore tecnico subacqueo e giornalista (giovanniesentato@sommozzatori.com)

Nato a Napoli il 08/07/1953. Diplomato Perito Meccanico nel 1973 a Caserta. Esperienza professionale come giornalista (Ordine dei Giornalisti della Campania tess. N° 088112), fotoreporter, grafico e redattore (“Edizioni del Roma” dal 1988 al 1993, “Il Corriere di Caserta” nel 1994, “Napoli Notte” 1995/1996, “Edizioni del Roma spa” dal 1996 al 2000, “Campania Notizie srl” dal 2000 al 2002, emittente televisiva “TeleLUNA” e “TeleNOSTRA”, “La Mia Barca” presso Edizioni Master spa nel 2006, “Edizioni Graphos srl”). Dal giugno 2000 al giugno 2004 responsabile ufficio stampa del gruppo UEN presso Commissione Europea a Bruxelles. Dal Gennaio 2007 responsabile comunicazione e segreteria Associazione Imprese Subacquee Italiane. Sommozzatore professionista (OTS – Diver Closed Bell – Diving Supervisor (certificato IMCA)) iscritto nei ruoli della Marina Mercantile con specializzazione in sistemi di controllo video e fotografico di strutture sommerse offshore. Coordinatore delle attività didattiche e formative del Consorzio I-UTech (corsi professionali OTS e piloti ROV). Docente incaricato presso Master di medicina subacquea ed iperbarica Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa. Delegato di AISI presso EDTC (European Diving Technology Commitee). Membro della Commissione Sicurezza di UNI e Responsabile del Gruppo di Lavoro per le Attività Subacquee Industriali dell’UNI (Ente di Unificazione Italiano – Milano). Esperto di Certificazione e Qualifica per le Attività Subacquee della Formazione Professionale della Regione Emilia Romagna. Incaricato per la realizzazione degli standard formativi per le attività subacquee professionali Assessorato alla Formazione Professionale Regione Lazio. Referente del gruppo di lavoro della XI Commissione Lavoro della Camera dei Deputati per il Dpl 344 sulle attività subacquee professionali. Consulente della Guardia Costiera per le Ordinanze di Sicurezza nei lavori subacquei in ambito portuale. Responsabile gruppo subacqueo di Protezione Civile presso la Prefettura di Caserta (decreto prefettizio marzo 1983). Maestro istruttore FIAS, Presidente FIAS sezione territoriale di Caserta, dal 1992 al 2002 membro del consiglio nazionale FIAS.

 

Pasquale Longobardi, medico iperbarico (direzione@iperbaricoravenna.it)

Nato a Napoli il 23 dicembre 1961; 1986 laureato con lode Università di Napoli; 1989 specializzato in Medicina Subacquea e Iperbarica Università di Chieti; 1997 perfezionato in Gestione e Organizzazione Sanitaria (C.OR.GE.SAN.) Scuola di Direzione Aziendale "L. Bocconi" di Milano; 2009 Master Sole 24 Ore in Marketing e Comunicazione. 1982-1989 ricercatore Istituto di Ricerche e Studi Subacquei e Iperbarici Amministrazione Provinciale di Napoli; 1989 a oggi: Direttore Sanitario Centro Iperbarico Ravenna (www.iperbaricoravenna.it), inserito gestionalmente nel Dipartimento delle Emergenze (118) AUSL Ravenna della Regione Emilia Romagna; 1990 a oggi: coordinatore Commissione medica Federazione Italiana Attività Subacquee (F.I.A.S.); 1993 a oggi: rappresentante medico per l'Italia in European Diving Technology Committee (EDTC); 1996 a oggi: Consigliere Nazionale Società Italiana Medicina Subacquea e Iperbarica (SIMSI); 1997 a oggi: componente Commissione Medica Nucleo sommozzatori Vigili del Fuoco Ministero dell'Interno; 1998 a oggi: membro Technical and Training Committee costituito dall'European Committee on Hyperbaric Medicine (ECHM) e dall'EDTC; 1998 al 2006: professore a contratto Scuola di Specializzazione in Medicina del Nuoto e delle Attività Subacquee Università di Chieti; 2005 a oggi responsabile per la medicina iperbarica Master in Medicina subacquea e iperbarica Scuola Superiore S. Anna di Pisa; 2005 a oggi: membro Diving Medical Advisory Committee (DMAC); 2006 a oggi: revisore dei programmi formazione in medicina subacquea approvati da EDTC/DMAC; 2007 membro comissione UNI per la sicurezza nel lavoro subacqueo industriale; 2007 - corso Basic Offshore safety Induction and Emergency Training (incluso Helicopter Underwater Emergency Training e Emergency Breathing System) - approvato OPITO in Aberdeen (UK); 2009 premio Tridente d'Oro Accademia Internazionale di Scienze e Tecniche Subacquee; 2010 commissione scientifica Associazione Italiana Operatori Subacquei Scientifici (AIOSS). Autore di 250 studi scientifici. Consulente per la medicina subacquea industriale di RANA Diving and Marine Contractor (Ravenna), Marine Consulting (Siracusa), Impresub (Trento); Cooperativa Nazionale Sommozzatori (CNS), Avenza - Carrara (MS); Lucatelli srl, Trieste (TS); Micoperi srl (RA). Partecipa: The Historical Diving Society Italia (HDSI) - socio fondatore; F.I.A.S. maestro-istruttore federale; Confèdération Mondiale des Activités Subaquatiques (C.M.A.S.) istruttore 3 stelle; Divers Alert Network (DAN) Oxygen First Aid Instructor - Trainer; Pure Tech Agency (PTA) Deep Air; Global Underwater Explorer (GUE) Fundamentals; SCUBA GYM istruttore 1 stella C.M.A.S; Aquatek SCR 1 (rebreather semichiuso 1° livello).

 

Sergio Gambi, sommozzatore Vigili del Fuoco (sergiosub@libero.it)

 

Gianni Fasano, tecnico elettronico (g.fasano@ibimet.cnr.it)

Nato a Firenze nel 1960. Diplomato in Elettronica Industriale. Collaboratore Tecnico Enti di Ricerca IV livello del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) Istituto di Biometeorologia (IBIMET). Assunto dal CNR nel 1984. Da allora, si è sempre occupato di progettazione e realizzazione di sensori per il monitoraggio ambientale, terrestre e marino. 
Primo brevetto subacqueo nel 1985 (Scuola Federale FIPSAS di Firenze), successivamente ha ottenuto brevetti fino al 3° grado FIPSAS. In qualità di strumentista ha partecipato a numerosi progetti di monitoraggio ambientale del CNR e della Comunità Europea. Dal 2001 è Coordinatore Responsabile delle attività subacquee del CNR-IBIMET. Nel tempo ha accresciuto la propria formazione partecipando a seminari relativi ad aspetti di "Medicina subacquea" (Primi interventi in incidenti da decompressione) presso l'Azienda Ospedaliera di Careggi (FI), "Ricerca Scientifica Subacquea" organizzato dall'International School of Scientific Diving (ISSD), "Sicurezza nell'ambito dell'attività lavorativa" organizzato per le diverse specializzazioni dall'Ufficio Sicurezza e Prevenzione del CNR, ecc. Recentemente ha ottenuto le certificazioni necessarie per effettuare immersioni con l'utilizzo di miscele sintetiche (Nitrox e Trimix) fino alla profondità di 65 m. Dal 2003, come docente, ha partecipato ai corsi organizzati dall'ISSD in qualità di esperto in strumenti per il monitoraggio meteo marino e subacqueo. Da alcuni anni collabora con: AMP Penisola del Sinis e Isola di Mal di Ventre, AMP Capo Caccia e Isola Piana, AMP Capo carbonara, Parco Nazionale della Maddalena, Dip. di Scienze della Terra (Uni. FI), Dip. di Biologia (Uni. PI), Dipartimento di Scienze della natura e del territorio - Università di Sassari, Dip. Patrimonio Culturale del CNR per quanto riguarda il Paesaggio Subacqueo. E' associato al Dip. di Scienze umanistiche e sociali - Uni. Sassari per quanto attiene agli aspetti geografici subacquei. Nel 2006, in collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri italiano ha partecipato al Progetto di Tutela della Biodiversità marina nel Golfo del Tonchino (Cina meridionale). Fra il 2008 e il 2010 ha progettato e realizzato un Radiometro Subacqueo per lo studio quali-quantitativo della radiazione solare e una Camera Bentica di profondità. Dal 2010 fa parte del Comitato Tecnico Scientifico dell'Associazione Italiana Operatori Scientifici Subacquei.Dal 2010 collabora con la Fondazione Livorno Euro Mediterranea e con il Comune di Livorno ai corsi di educazione ambientale indirizzati agli studenti delle scuole superiori della città. È in fase di formalizzazione la sua nomina fra gli esperti della "Commissione di Studio sui problemi della sicurezza nelle immersioni subacquee" voluta dall'Ufficio Prevenzione e Protezione del CNR.Ha pubblicato più di ottanta lavori su riviste italiane e straniere di elettronica e di ingegneria ambientale, ha scritto alcuni capitoli su vari libri della collana tecnico scientifica CNR IBIMET, ha realizzato 14 strumenti di misura e monitoraggio, di cui 3 brevettati dal CNR.

 

Laura Castellano, biologa acquarista (lcastellano@acquariodigenova.it)

Nata a Milano il 22 febbraio 1967. Laureata in Scienze Biologiche presso L’università di Genova nel 1992. Brevettata dal 1990. Dal 1993 lavora presso l’Acquario di Genova dove dal 2003 ricopre il ruolo di Responsabile di Settore Mediterraneo e Acque Fredde. Tra le mansioni che svolge vi sono l’organizzazione di raccolta di pesci ed invertebrati sia in immersione che con l’utilizzo di attrezzi da pesca professionale e sportiva. E’ referente  della gestione dell’attività subacquea che si svolge all’interno delle vasche e in ambiente. Collabora con l’università di Genova e di Ancona. Nel 2002, 2004 e 2006 partecipa alla campagne di monitoraggio della barriere coralline alle isole Marshall come membro dell’Ong NRAS (Natuarl Resource assessment Surveys) per il censimento di pesci ossei e cartilaginei di 3 atolli.

 

Amedeo La Morgia, RSPP (amedeolm@hotmail.com)

Nato a Lanciano (CH), il 16 Aprile 1974. Laureato in Scienze Ambientali indirizzo marino presso l’Università degli studi di Bologna nel 2005. Nel 2005 Master di primo livello per l’accreditamento come “Consulente Ambientale per la certificazione ambientale Ecolabel per le strutture turistico-ricettive” presso la “Scuola Nazionale Ecolabel della provincia di Chieti” e nel 2007-2008 Corso per ASPP e RSPP (Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione). Dal 2007 libero professionista come consulente per la sicurezza sul lavoro, qualità e ambiente a Ravenna. Dal 2007 docente nei corsi di formazione da RSPP per datori di lavoro, corsi antincendio a basso rischio, corsi di formazione ai lavoratori presso CONFESERCENTI Ravenna e CONFESERCENTI Forlì , nonché docente nei corsi ICAL/SAB del Cescot di Ravenna per la sicurezza alimentare, sicurezza sul lavoro e antincendio a basso rischio. RSPP (responsabile del servizio di prevenzione e protezione) aziendale presso ditte private nel settore del commercio e artigianato e da maggio 2009 consulente per la sicurezza in collaborazione con CONFESERCENTI Ravenna.

 

Comitato tecnico-scientifico 2013-2015

Carlo Beltrame, archeologo 
Roberto Palozzi, zoologo 
Fabrizio Antonioli, geologo 
Giovanni Esentato, giornalista 
Pasquale Longobardi, medico iperbarico 
Sergio Gambi, sommozzatore Vigili del Fuoco 
Gianni Fasano, tecnico elettronico
Laura Castellano, biologa acquarista

 

Comitato tecnico-scientifico 2010-2012

Carlo Beltrame, archeologo 
Roberto Palozzi, zoologo 
Fabrizio Antonioli, geologo 
Giovanni Esentato, giornalista 
Pasquale Longobardi, medico iperbarico 
Sergio Gambi, sommozzatore Vigili del Fuoco 
Gianni Fasano, tecnico elettronico
Laura Castellano, biologa acquarista

 

 


Privacy Policy

Questo sito utiliza un sistema di conteggio dei visitarori che assicura il completo anonimato, nessuna informazione sul visitatore è archiviata e/o trasmessa ad altri. 

Ad ogni modo puoi modificare le impostazioni del servizio di Web Analytics ShinyStat.


Associazione Italiana Operatori Scientifici Subacquei

c/o Centro Interdipartimentale di Ricerca per le Scienze Ambientali in Ravenna, Alma Mater Studiorum - Università di Bologna

Via S. Alberto 163, 48123 Ravenna (Italy)

C.F.: 92072600395 - e.mail: info@aioss.info opostmaster@aioss.info